logo

Progetto Casa aperta 2011

Popolazione disabile - Reti di protezione familiare e residenzialita’


Il progetto Casa Aperta, promosso nel 2007 dall’Associazione TUTTINSIEME ha avuto il
sostegno del Comune di Zola Predosa ed è stato inserito nel Piano distrettuale per lo sviluppo
dei Percorsi per l’autonomia del Distretto A.USL di Casalecchio di Reno e Porretta Terme.
Il progetto si inquadra nelle attività che l’Associazione ha promosso a partire dal 2002 per
rispondere alle necessità che il territorio evidenziava ed evidenzia sulle tematiche della
residenzialità delle persone con disabilità medio-lieve quando queste rimangono prive del
sostegno familiare.

Con la progettazione e le attività dei weekend, che a partire dal 2002 abbiamo svolto con
cadenza mensile, ci siamo posti l’obiettivo di implementare le autonomie delle persone disabili,
elemento indispensabile per una vita indipendente e al contempo di favorire le relazioni
interpersonali.

Siamo infatti convinti che per preparare adeguamente un Dopo di noi sereno che consenta
l’elaborazione del lutto derivante dalla perdita della persona cara, bisogna lavorare nel Mentre
noi, sia aumentando le autonomie di base personali, sia rafforzando i legami interpersonali
extrafamiliari.

Nella consapevolezza che anche un deficit cognitivo di lieve entità esclude la possibilità di una
vita pienamente autonoma, si vuole con il Progetto Casa aperta - che richiede nel breve periodo
la messa a disposizione di locali idonei per lo svolgimento delle attività - creare
quell’interindipendenza tra società, ambiente sociale e persone che crea le premesse per una
vita che include e non esclude